Menu
Il Web Magazine dell'Ospedale Pediatrico
Bambino Gesù di Palidoro e S. Marinella
guarda il video Senza bilanciamento posturale il bambino non può controllare le proprie funzioni motorie
Condividi Condividi
nel video: Senza bilanciamento posturale il bambino non può controllare le proprie funzioni motorie
Assistenza e Cura

Una pedana oscillante per recuperare il controllo posturale

30 MAG 2014 - La Neuroriabilitazione del Bambino Gesù di Palidoro ha sviluppato una metodica riabilitativa del bilanciamento posturale che accorcia i tempi di recupero. A giugno un corso dedicato

«Forse non ce ne rendiamo conto, ma ad ogni movimento o spostamento è correlata un specifica postura, più o meno corretta, del nostro corpo. Ciò è tanto più vero in età pediatrica: lo sviluppo posturale che matura nel bambino fin dai primi momenti della sua vita accompagna passo passo il suo sviluppo neuro-cognitivo  ed è alla base dello sviluppo di ogni sua facoltà motoria».

Il dott. Massimo Stortini è un medico della Neuroriabilitazione pediatrica del Bambino Gesù di Palidoro e si occupa in particolare di recupero del controllo posturale.

«Il controllo posturale  - spiega Stortini - è un’autentica pietra angolare della nostra attività riabilitativa, sulla quale si ricostruiscono  le  autonomie del bambino per tutte le funzioni motorie connesse. Nella fase di sviluppo neuro-cognitivo e motorio, il neonato passa più o meno  rapidamente da un controllo della testa al controllo del tronco e del bacino, riuscendo gradualmente a stare seduto, ad alzarsi in piedi e a camminare».

«Questa transizione  - continua - può sembrarci ovvia ma nella vita di un bambino molto piccolo queste fasi sono tutte grandi conquiste, a cominciare dal controllo del capo. Riuscendo a girare la testa a piacimento, per esempio, il bambino può cominciare  ad esplorare il mondo per conto suo e contribuire così anche al proprio sviluppo cognitivo. Nella misura in cui potrà tenere la testa eretta e ben bilanciata sul tronco, potrà cominciare a nutrirsi di cibi solidi. Infine, solo se il suo tronco e la sua testa saranno allineati e liberi di spostarsi in ogni settore dello spazio, avrà la possibilità di “afferrare” letteralmente il mondo circostante con le proprie mani. Di conseguenza, il controllo posturale permetterà al bambino di cambiare posizione, spostarsi orizzontalmente, arrampicarsi e cominciare a camminare,  prima reggendosi ad un supporto (il divano o le mani dei genitori) e poi liberamente».

Non è quindi possibile un controllo delle funzioni motorie senza il controllo posturale.

«Qui al Bambino Gesù  abbiamo messo a punto degli  strumenti, con la collaborazione di diversi istituiti tecnici ortopedici,   che permettono di migliorare la qualità dell’intervento riabilitativo  attraverso un sistema di sbilanciamento e perturbazione controllata, ovvero una pedana oscillante attorno ad un perno centrale, con la quale il bambino  può sviluppare una serie di importanti competenze motorie, da seduto e in piedi, con o senza ortesi. Abbiamo dei dati preliminari che riguardano un gruppo di bambini  già grandi (ovvero  dai 4 agli 8 anni)  con una storia clinica di trauma cranico in cui l’uso di un training per il bilanciamento posturale e l’uso di questa pedana ha permesso di ridurre di 1/3 i tempi di degenza (o meglio, ha permesso di velocizzare i tempi di recupero di 3 volte). Si tratta di un gruppo di 8-10 bambini che, confrontati con un gruppo di controllo, ha fornito risultati incoraggianti che vorremmo ampliare all’interno della nostra casistica».

Tali risultati hanno spinto il dott. Stortini e i suoi colleghi a organizzare un corso per la divulgazione di questa modalità di lavoro e dell’uso della pedana.

Il corso  - che si terrà il 6, 7 e 8 giugno presso il Centro Congressi Marriott Park Hotel (in Via Colonnello Tommaso Masala 54 a Roma) - è destinato a tutti gli operatori della riabilitazione, in particolare ai fisioterapisti e ai terapisti della neuro-psicomotricità, ma anche ai logopedisti che si occupano delle problematiche di deglutizione dovute alle difficoltà di allineamento del capo, ai terapisti occupazionali e ovviamente, ai neuropsichiatri infantiliai neurologi e ai fisiatri dell’età pediatrica.

Parole chiave: Assistenza Domiciliare, Bilanciamento posturale, corso, Deglutizione, Fase di accrescimento, Massimo Stortini, neonato, Neuroriabilitazione, pedana girevole
Collegamenti esterni: Rome Rehabilitation