Menu
Il Web Magazine dell'Ospedale Pediatrico
Bambino Gesù di Palidoro e S. Marinella
A inizio autunno si fa la tradizionale visita di controllo dal pediatra. Per chi è necessaria?
Condividi Condividi
nella foto: A inizio autunno si fa la tradizionale visita di controllo dal pediatra. Per chi è necessaria?
Assistenza e Cura

Inizia l'autunno. Tutti dal pediatra per un controllo?

16 SET 2014 - Finisce l'estate, riaprono scuole e asili, si avvicina l'influenza. Molti genitori premono per una visita pediatrica per i propri figli

L’inizio dell’autunno è considerato da moltissimi genitori un momento importante, in cui verificare che tutto sia a posto, prima della ripresa dell'attività scolastica e extrascolastica. Con l’abbassamento delle temperature e l’approssimarsi di un nuova fase influenzale, in concomitanza con la riapertura delle scuole, si avverte il desiderio di portare il proprio figlio dal pediatra per una visita di controllo.

Ma quanto sono effettivamente necessari questi controlli? Lo abbiamo chiesto agli specialisti del Bambino Gesù di Palidoro.

IN CASO DI MALATTIE CRONICHE O ALLERGICHE: Pur non essendoci evidenze scientifiche di una necessità di un controllo pediatrico in questo periodo dell’anno, è raccomandato in pazienti con patologie che per cronicità (malattie autoimmuni, deficit immunitari, cardiopatie, nefropatie) o periodicità (patologie allergiche) richiedono una valutazione preventiva, al fine di valutare con uno specialista l’eventuale inizio di un trattamento o l’adeguamento di terapie già in atto.

Molti pazienti possono risentire fortemente dei cambiamenti climatici, dell’esposizione a diversi allergeni o, semplicemente, alla maggior carica di patogeni a causa della ripresa della vita di comunità, con la riapertura delle scuole, che può alterare un delicato equilibrio raggiunto nei mesi precedenti. A questo riguardo particolare importanza può avere la visita dal pediatra di famiglia al fine di sensibilizzare all'impiego del vaccino anti-influenzale nei pazienti a rischio, che normalmente avviene nel periodo che va da ottobre a dicembre.

LA VISITA OCULISTICA: Alcuni genitori ritengono che sia necessario un controllo, soprattutto in vista del primo anno di scuola. In questo caso, però, è bene chiarire che sarebbero estremamente in ritardo, visto che la prima visita oculistica va eseguita molto prima, entro il primo anno di età. In ogni caso in questo periodo dell’anno può essere utile controllare la presenza o il livello di miopia, astigmatismo o ipermetropia* del bambino, così da prevenire un’eventuale sindrome da affaticamento visivo.

LA VISITA CARDIOLOGICA: È consigliabile un elettrocardiogramma standard per chi non lo ha mai fatto prima o per chi ha avuto qualche malattia intercorrente con possibile implicazione cardiaca (come ad esempio le malattie da streptococco beta-emolitico di gruppo A**). Questo vale anche per quei bambini e adolescenti che intendano praticare uno sport, anche se, in realtà, è bene non aspettare questo momento per un controllo elettrocardiografico, dal quale possono emergere aritmie congenite molto pericolose.

LA VISITA OTORINOLARINGOIATRICA: La fine del periodo estivo è il momento ideale per effettuare una verifica dello stato di naso, orecchio e gola prima dell’arrivo dell’inverno, soprattutto in caso di stati catarrali accentuati già prima dell’estate. Fortemente consigliati quindi un controllo audiometrico, una fibroscopia e un esame orofaringoscopico. In particolare è importante verificare lo stato di tonsille e adenoidi perché, se già compromesse ora, subito dopo l’estate, si può prevedere un significativo peggioramento con l’arrivo del periodo invernale.

PER GLI ADOLESCENTI: La stagione autunnale è considerata un periodo estremamente delicato per gli adolescenti, specie nella fase dello sviluppo puberale (e soprattutto nelle femmine) per i possibili cambiamenti fisici o psicologici cui sono andati incontro nei mesi estivi.

UN ULTIMO CHIARIMENTO: È inutile ricorrere a terapie atte a “rinforzare” i figli in previsione dell’inizio dell’anno scolastico (vitamine, immunostimolanti, ecc.) o eseguire analisi o screening senza una precisa ragione.

 

*Ipermetropia o lungimiranza: difetto della vista che rende difficile la visione degli oggetti vicini, che possono apparire sfocate o addirittura indistinguibili (viene spesso confusa con l’astigmatismo o la presbiopia)

**Batterio che può produrre diverse patologie, tra cui soprattutto infezioni a carico delle vie aeree (rinofaringe, con le tonsille e le adenoidi, la gola) ma anche la altre cavità associate (seni paranasali e orecchio).

Parole chiave: adenotonsillectomia, cardiopatie, elettrocardiogramma, estate, Fase di accrescimento, Febbre, Influenza, Malattie Croniche, naso, Oculistica, Pediatra di famiglia, Screening elettrocardiografico, sviluppo puberale, vie respiratorie, visita specialistica