Menu
Il Web Magazine dell'Ospedale Pediatrico
Bambino Gesù di Palidoro e S. Marinella
Scarso accrescimento in età pediatrica, gli specialisti del Bambino Gesù tranquillizzano i genitori
Condividi Condividi
nella foto: Scarso accrescimento in età pediatrica, gli specialisti del Bambino Gesù tranquillizzano i genitori
Assistenza e Cura

Lo scarso accrescimento in età pediatrica

14 GEN 2015 - "Il mio bambino non cresce!", una considerazione che spesso getta nel panico i neo genitori, ma che deve essere affrontata dai pediatri con cognizione di causa

A cura del dott. Pietro Stella

Lo scarso accrescimento, sia esso ponderale e/o staturale, è un sintomo che spinge frequentemente i genitori a richiedere una visita pediatrica.D’altra parte è anche uno dei problemi più frequenti che il pediatra incontra nell’attività quotidiana, sia in Ospedale che sul Territorio.

La cosa importante è considerare lo scarso accrescimento  come un sintomo (il cosiddetto “failure to thrive” degli autori anglosassoni) e non come una patologia. Ancora oggi, comunque, non vi è una definizione universalmente accettata e condivisa per “scarso accrescimento in età pediatrica”. Nel 1899 per la prima volta è stato usato il termine “failure to thrive” per descrivere il dimagrimento di un lattante dopo l’inizio dello svezzamento.

Generalmente si intende che un bambino presenta scarso accrescimento quando la sua crescita sulle curve dei percentili mostra d’essere al di sotto del 3-5° (in altezza, in peso o in entrambi i parametri).

Ogni visita a pazienti in età pediatrica non può essere tale se non comprende anche le valutazioni auxologiche*. Fondamentale, inoltre, valutare il “percorso” clinico delle misure di ogni bambino nel tempo: non è tanto importante sapere se il bambino si trovi sotto, sopra, o nella media. Ma valutare lo storico del suo sviluppo.

È inutile quindi prescrivere ed eseguire numerosi esami o accertamenti “di routine” di fronte a un bambino con scarso accrescimento: fondamentali sono invece l’anamnesi comprendente le modalità di assunzione del cibo e la visita pediatrica.

Il consiglio, per le tutte le mamme e i papà, è sempre lo stesso: attenzione alle “diagnosi fai da te”.

Non vi fate terrorizzare dal web e affidatevi al vostro pediatra (NdR).

 

* L'auxologia è una specialità medica che studia e cura la crescita fisica della persona nell'età evolutiva

Vedi anche:

DEFICIT DI ORMONE DELLA CRESCITA >>

Parole chiave: Crescita, Pediatra di famiglia, Percentili, Pietro Stella, Territorio