Menu
Il Web Magazine dell'Ospedale Pediatrico
Bambino Gesù di Palidoro e S. Marinella
Uno spettacolo di bolle di sapone giganti per la festa di Natale delle Ludoteche di Palidoro
Condividi Condividi
nella foto: Uno spettacolo di bolle di sapone giganti per la festa di Natale delle Ludoteche di Palidoro
Eventi

Bolle!

30 DIC 2014 - Un fantasioso spettacolo per la festa di Natale delle Ludoteche di Palidoro

Grande successo per la Festa natalizia delle Ludoteche di Palidoro, organizzata da Teresa Triglia (Il Castello dei Sogni), Paola Di Laurenzi (Il Quadrifoglio) e Vanessa Lops (la Scuola dell'Ospedale).

Presenti moltissimi pazienti, anche lungodegenti, insieme alle loro famiglie. Dopo la tradizionale maxi-tombola e un bel rinfresco con dolci realizzati dal personale dell’ospedale con l’aiuto di qualche mamma, è arrivata una truccatrice professionista, intervenuta come volontaria, che ha truccato tutti i presenti, trasformando i bambini in tanti “spiderman” e farfalle colorate.

Festa di Natale delle ludoteche e della scuola al Castello dei Sogni Festa di Natale delle ludoteche e della scuola al Castello dei Sogni Festa di Natale delle ludoteche e della scuola al Castello dei Sogni Festa di Natale delle ludoteche e della scuola al Castello dei Sogni Festa di Natale delle ludoteche e della scuola al Castello dei Sogni

Momento clou della giornata, l’esibizione di Francesco Romano, della Snoopy Animazione di Bracciano, che ha messo in atto un sorprendente spettacolo di ballons art, baby dance e bolle di sapone giganti. Anche Francesco ha prestato la sua professionalità come volontario, aiutato oltretutto dai suoi due figli.

«Si è trattato di una festa “interattiva” – commenta entusiasta Teresa Triglia, Responsabile della Ludoteca del Castello dei Sogni - e in questo è stato bravissimo anche l'animatore, che ha capito subito quello che volevamo per i nostri bambini: un momento ludico coinvolgente, a prescindere dalle problematiche fisiche dei partecipanti.

Tutti i bambini presenti, infatti, aiutati dove necessario dal personale ospedaliero o dalla propria mamma, hanno potuto giocare con le bolle giganti. All’improvviso niente più malattia, ma solo tanti bambini che si divertivano. Una specie di “miracolo del gioco”.

«Proprio a questo servono le ludoteche e il lavoro di noi educatori professionali – sottolineano le organizzatrici dell’evento. La malattia esiste e si lotta ogni giorno per sconfiggerla, ma il messaggio che cerchiamo di dare è che la vita va avanti, che malgrado tutto anche in Ospedale si può stare bene e che anche i bambini con gravi disabilità possono e devono essere coinvolti in giochi, spettacoli, attività manuali e creative. Anche questa è una terapia che porta benessere psicologico, cognitivo e motorio. Cerchiamo di insegnare anche ai genitori a non fermarsi di fronte ai limiti, ma pensare con ottimismo alle potenzialità del proprio bambino. No alle illusioni, certo, ma “no” anche all'apatia».

Non a caso molti dei bambini ricoverati sono stati coinvolti con successo nell’allestimento del presepe vivente, che quest’anno ha animato la grande festa di Natale con il Presidente Profiti, non solo come attori, ma anche nella realizzazione delle scenografie e dei costumi.?

Parole chiave: Castello dei Sogni, Disabilità, Natale, Paola Di Laurenzi, Teresa Triglia, Vanessa Lops