Menu
Il Web Magazine dell'Ospedale Pediatrico
Bambino Gesù di Palidoro e S. Marinella
guarda il video Cominciamo a conoscere il ruolo dell'anestesista in ambito pediatrico
Condividi Condividi
nel video: Cominciamo a conoscere il ruolo dell'anestesista in ambito pediatrico
Assistenza e Cura

Anestesia e bambini: la visita pre-operatoria

22 GEN 2015 - Prima dell'intervento: la visita anestesiologica

In ambito pediatrico, le pratiche anestesiologiche si rendono necessarie non solo in caso di interventi chirurgici ma anche in manovre diagnostiche  invasive e in tutte quelle procedure mediche che possono arrecare fastidio, stress psicologico  o dolore nel bambino, al quale non si può semplicemente di “stare fermo”.

Ma l’anestesia –che sia locoregionale o generale (questa molto più usata in pediatria) o che si tratti invece di sedazione profonda*- è un ambito clinico che suscita ancora molte perplessità nei genitori e spesso li spaventa più dell’intervento chirurgico in sé.

Per cercare di chiarire questi dubbi  abbiamo incontrato la dott.ssa Paola Amendola, dell’Unità di Anestesia e Rianimazione Camere Operatorie del Bambino Gesù di Palidoro, che ci racconterà in tre appuntamenti il ruolo dell’anestesista, prima, durante e dopo l’intervento chirurgico.

*In anestesia generale il bambino non viene solo mantenuto in uno stato ipnotico profondo (ovvero “addormentato”) ma viene anche desensibilizzato dagli stimoli dolorosi  (tipicamente in un intervento chirurgico) mentre in sedazione profonda (utilizzata nel caso di esami radiologici o in manovre che possono risultare fastidiose ma che non provocano dolore) viene solo addormentato.

Parole chiave: Anestesia, dolore, Paola Amendola, Sedazione