Menu
Il Web Magazine dell'Ospedale Pediatrico
Bambino Gesù di Palidoro e S. Marinella
guarda il video L'anestesista in sala operatoria: induzione, mantenimento e risveglio
Condividi Condividi
nel video: L'anestesista in sala operatoria: induzione, mantenimento e risveglio
Assistenza e Cura

Anestesia e bambini: in sala operatoria

29 GEN 2015 - La dott.ssa Paola Amendola ci parla di induzione e mantenimento dell'anestesia durante l'intervento chirurgico

Continua il nostro viaggio alla scoperta dei vari aspetti del lavoro dell’anestesista in ambito pediatrico. Ad accompagnarci è sempre la dott.ssa Paola Amendola, dell’Unità di Anestesia e Rianimazione Camere Operatorie del Bambino Gesù di Palidoro.

Dopo la visita anestesiologica e fatti tutti i controlli necessari, il piccolo paziente viene portato - rigorosamente a digiuno – in sala operatoria per l’induzione dell’anestesia. «Nella fase iniziale di induzione – sottolinea la dott.ssa Amendola – spesso facciamo entrare  in sala anche un genitore, affinché possa aiutare il bambino a rilassarsi, considerando lo stress dovuto all’ambiente, alle strumentazioni e alla presenza di molti estranei con la mascherina».

Dopo che il genitore è uscito, si procede a completare l’anestesia, che può essere indotta con due possibili modalità:

  • somministrando dei gas alogenati attraverso la cosiddetta “mascherina;
  • somministrando dei farmaci per via endovenosa, con la cosiddetta “farfallina”.

«Non c’è una metodologia migliore – chiarisce la dott.ssa Amendola. - La scelta si può fare in base alla preferenza del paziente (i bambini in genere preferiscono la mascherina), a meno che la natura dell’intervento o condizioni specifiche del paziente non rendano necessario optare per l’una o per l’altra».

A questo punto l’équipe anestesiologica si occupa del mantenimento dell’anestesia  - monitorando costantemente i parametri vitali del paziente e supportandone le funzioni cardiorespiratorie – per TUTTA LA DURATA DELL’INTERVENTO.

«Al termine dell’operazione – spiega la dott.ssa Amendola -  ci prepariamo al risveglio del paziente*».

*Ma di questo parleremo nella terza parte del nostro approfondimento sull’anestesia in ambito pediatrico (NdR).

Parole chiave: Anestesia, Paola Amendola, Rianimazione