Menu
Il Web Magazine dell'Ospedale Pediatrico
Bambino Gesù di Palidoro e S. Marinella
Il Direttore Sanitario del Bambino Gesù Massimiliano Raponi durante il Gran Galà del cuore
Condividi Condividi
nella foto: Il Direttore Sanitario del Bambino Gesù Massimiliano Raponi durante il Gran Galà del cuore
Eventi

Uno circo "caleidoscopico" in favore dell'ospedale senza dolore

11 FEB 2015 - Artisti circensi e star della TV in uno spettacolo indimenticabile in favore del Bambino Gesù

Presentando la serata, Paolo Bonolis ha definito lo spettacolo circense “una meraviglia caleidoscopica per i bambini”.

Ed è proprio questa meraviglia che il Circo Medrano ha messo in scena venerdì sera con i suoi acrobati, clown, domatori e giocolieri che si sono esibiti non solo per i piccoli spettatori ma anche per i loro coetanei meno fortunati, che vengono curati e assistiti ogni giorno presso il Bambino Gesù.

L’intero incasso del “Gran Galà del cuore” infatti è stato devoluto al progetto ospedale senza dolore, offrendo un altro importante contributo alla realizzazione della sala Tac di Palidoro.   

Credendo fermamente in questo progetto, la famiglia Casartelli ha messo a disposizione del Bambino Gesù i suoi 151 anni di tradizione circense, per una serata spettacolare, che ha coinvolto anche diversi volti noti della TV.

Carmen Russo, Anna Falchi, Giancarlo Magalli, Amadeus e tanti altri  si sono esibiti, con qualche incertezza e qualche brivido – sempre con l’aiuto dei professionisti del circo Medrano - al trapezio, in mezzo agli animali feroci o come bersaglio dei lanciatori di coltelli.

Presente il Direttore Sanitario del Bambino Gesù, Massimiliano Raponi, che ha anche ritirato l’opera donata all’Ospedale dagli artisti  Vincenzo Pelonero e Alessandro Avolio, un dipinto realizzato in 50 minuti raffigurante lo scomparso attore Robin Williams ritratto come Patch Adams, fondatore della clownterapia.

Altro omaggio a un altro grande attore scomparso ha visto protagonisti Franco Nero, Matteo Garrone e  Sebastiano Somma che si sono esibiti in una serie di performance in stile “spaghetti western” dedicati a Giuliano Gemma, che amava molto l’arte circense.

Ultima sorpresa l’esibizione canora di Amedeo Minghi che ha regalato un momento di tenerezza all’interno di un turbinio altrimenti ininterrotto di brividi e divertimento.

Parole chiave: Circo, clownterapia, Massimiliano Raponi, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, ospedale senza dolore, Palidoro, TAC