Menu
Il Web Magazine dell'Ospedale Pediatrico
Bambino Gesù di Palidoro e S. Marinella
guarda il video Il dott. Marco Crostelli illustra un intervento di emispondilectomia su un bambino di cinque anni
Condividi Condividi
nel video: Il dott. Marco Crostelli illustra un intervento di emispondilectomia su un bambino di cinque anni
Assistenza e Cura

Emispondilectomia: al Bambino Gesù si interviene molto presto

1 GIU 2015 - Deformazione della colonna. Crostelli: "Interveniamo già dopo i due anni di età"

Alcune delle più gravi malformazioni vertebrali congenite (scoliosi, cifosi, ecc. ) che si sviluppano  dopo circa la ventesima settimana di gestazione del bambino, sono correlate alla formazione embrionale di un emispondilo, ovvero di “metà vertebra”.

«L’emispondilo – spiega il dottor Marco Crostelli, chirurgo vertebrale presso il Bambino Gesù di Palidoro - si incunea tra le altre vertebre come una sorta di “cric”, esercitando una forte spinta sia verso l’alto sia verso il basso e determinando così una curvatura innaturale della colonna. Tale deformazione della schiena è destinata a peggiorare per tutta la fase di accrescimento del bambino, perciò è importante intervenire il prima possibile”.

L’intervento precoce di emispondilectomia, cioè la rimozione chirurgica di questa mezza vertebra,  permette di ridurre al minimo gli effetti  degenerativi sulla colonna, che in età adulta sono difficilmente risolvibili.  «Oggi  - conferma il dottor- Crostelli - al Bambino Gesù la casistica di successo per questo tipo di intervento è tra le più ampie in ambito pediatrico e, quando possibile, noi interveniamo già dopo i due anni di età».

Parole chiave: Chirurgia vertebrale, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, ospedale senza dolore, Scoliosi, Vertebre