Menu
Il Web Magazine dell'Ospedale Pediatrico
Bambino Gesù di Palidoro e S. Marinella
Estate: le accortezze per tenere i piccoli al sicuro da scottature o colpi di calore
Condividi Condividi
nella foto: Estate: le accortezze per tenere i piccoli al sicuro da scottature o colpi di calore
Assistenza e Cura

Rischio scottature e colpi di sole, come affrontarli durante l'estate

30 GIU 2015 - Creme solari, luoghi ventilati e occhiali protettivi da raggi UVA. Le regole per assicurare ai nostri figli salute e divertimento sotto i raggi del sole

Estate, tempo di sole e divertimento per i nostri bambini. È importante che i genitori seguano qualche piccola accortezza per mantenere i piccoli al sicuro da scottature o colpi di calore.

SCOTTATURE

«Quando si è al mare o in montagna – spiega Andrea Campana, Responsabile della Pediatria Multispecialistica del Bambino Gesù di Palidoro – è opportuno utilizzare creme solari con una protezione solare molto alta, con almeno un fattore protezione 50. È bene applicare la crema su tutto il corpo del bambino e sul viso, anche se protetto da maglietta o cappello, senza dimenticare i punti più nascosti come ad esempio il collo del piede».

Poiché l’acqua e la sabbia tendono ad eliminare l’efficacia della crema protettiva, l’applicazione va ripetuta più volte durante la giornata, a un intervallo di distanza di circa un’ora.

«Naturalmente è importante evitare di portare in spiaggia i bambini nelle ore più calde della. I raggi solari possono filtrare in parte anche attraverso l’ombrellone».

COLPI DI CALORE

Un rischio più insidioso è quello dei colpi di calore, che non dipendono solo dall’esposizione diretta ai raggi solari, ma anche da una temperatura eccessiva dell’aria e dal tasso di umidità. «In questi casi il bambino può subire un improvviso innalzamento della temperatura corporea, accompagnato da nausea,  cefalea e difficoltà a respirare, fino alla perdita di coscienza».

La prima cosa da fare è aiutare la temperatura a ristabilirsi ai valori normali, preferibilmente in modo naturale. Per fare questo è opportuno:

  • portare il bimbo in un luogo fresco e ben areato;
  • scoprirlo il più possibile;
  • fargli bere acqua, non fredda, possibilmente a temperatura ambiente, a piccoli sorsi.

In presenza di capogiri è bene farlo sedere o stendere all’ombra.

OCCHIALI DA SOLE

Un altro consiglio utile per il periodo estivo è quello di acquistare un paio di occhiali da sole per la protezione dai raggi UVA ed UVB. «È necessario acquistarli in negozi di ottica con la targhetta CE (Comunità Europea) che attesti il potere filtrante delle lenti da sole – spiega Luca Buzzonetti, Responsabile dell’Unità di Oculistica Pediatrica del Bambino Gesù nella sede di Palidoro -. Lenti scure a buon mercato possono avere addirittura un effetto opposto, in quanto determinando la dilatazione della pupilla, consentono l’ingresso di una maggiore quantità di raggi ultravioletti».

Parole chiave: Andrea Campana, estate, Luca Buzzonetti, mare, Occhiali da sole, Oculistica, Pediatria Multispecialistica, raggi ultravioletti, rischio scottature, sole