Menu
Il Web Magazine dell'Ospedale Pediatrico
Bambino Gesù di Palidoro e S. Marinella
guarda il video Lasciare i bambini scalzi su terreni come sabbia o erba è il modo migliore per rinforzare la muscolatura delle gambe.
Condividi Condividi
nel video: Lasciare i bambini scalzi su terreni come sabbia o erba è il modo migliore per rinforzare la muscolatura delle gambe.
Assistenza e Cura

A piedi nudi sulla spiaggia, ecco perché fa bene

3 LUG 2015 - Con il caldo, via libera alle camminate a piedi scalzi dei più piccoli per un corretto sviluppo delle funzioni motorie. Ne abbiamo parlato con Osvaldo Palmacci, Dirigente medico di Ortopedia del Bambino Gesù a Palidoro

Con l’arrivo del caldo, i bambini si liberano volentieri di tutti gli indumenti non necessari, compresi, se possibile, scarpe e calzini. I più piccoli esprimono infatti una predilezione per il camminare a piedi nudi in casa, in giardino e, naturalmente in spiaggia. Un’attitudine che, a detta degli esperti del Bambino Gesù, favorisce un corretto sviluppo delle abilità motorie degli arti inferiori.

«Il piede del bambino è l’organo propriocettivo per eccellenza* – spiega Osvaldo Palmacci, Dirigente medico dell’Unità di Ortopedia del Bambino Gesù, nella sede di Palidoro -. Già nei primi mesi di vita è facile notare come il neonato cerchi il contatto con i genitori tendendo in avanti le articolazioni inferiori piuttosto che le mani. Per conciliarne quindi un corretto sviluppo, è bene far interagire i piedi nudi del bambino con l’ambiente circostante».

Lasciar correre i bambini scalzi su terreni come sabbia o erba rappresenta, inoltre, il modo migliore per rinforzare la muscolatura delle gambe. «Terreni ricchi di asperità – continua Palmacci –  sono capaci di stimolare maggiormente i muscoli “cavizzanti” e le inserzioni tendinee».

*La propriocezione rappresenta la capacità del cervello di percepire la posizione del corpo, e delle sue parti, nello spazio, sia in stasi che in movimento

Parole chiave: calzature, estate, Ortopedia, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, piedi, sabbia