Menu
Il Web Magazine dell'Ospedale Pediatrico
Bambino Gesù di Palidoro e S. Marinella
guarda il video All'evento ha partecipato il team dell'Unità di Aritmologia di Palidoro a sostegno della cultura della prevenzione delle malattie cardiache.
Condividi Condividi
nel video: All'evento ha partecipato il team dell'Unità di Aritmologia di Palidoro a sostegno della cultura della prevenzione delle malattie cardiache.
Assistenza e Cura

Notte dei Ricercatori, screening cardiaci per la salute del bambino

1 OTT 2015 - Nel corso dell'evento, l'Unità di Aritmologia del Bambino Gesù di Palidoro ha offerto controlli diagnostici gratuiti per la prevenzione di patologie gravi

Controllo della salute e prevenzione. Questo l’obiettivo della partecipazione dell’Unità di Aritmologia pediatrica e Sincope Unit alla Notte dei Ricercatori.

Il 25 settembre è stata la giornata dedicata alla ricerca biomedica, nella quale l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù ha aperto le porte dei laboratori della sede di San Paolo Fuori le Mura ai bambini con le loro famiglie. Test gratuiti per un check della salute del bambino e per accertare l’assenza di patologie più o meno gravi come quelle cardiopatiche.

 “La nostra presenza alla serata – spiega Silvia Placidi, ricercatrice operante all’interno dell’Unità Operativa - ha voluto rappresentare un’occasione per poter illustrare i modelli adottati per la gestione dei pazienti con sincope e per il trattamento del QT Lungo e delle aritmie genetiche e per ricordare il programma di screening gratuiti all’interno delle scuole che ha coinvolto finora più di 5.000 studenti di Roma e Provincia”.

Tramite l’impiego di apposite diapositive e tracciati di elettrocardiogramma utilizzati per illustrare situazioni potenzialmente dannose per la salute del paziente, gli esperti dell’Unità guidata da Fabrizio Drago, hanno coinvolto adulti e bambini che hanno risposto con vivo interesse alle informazioni fornite.

“Oltre a partecipare ormai da due anni all’iniziativa cerchiamo di sensibilizzare sull’argomento quante più persone possibile sfruttando le potenzialità di comunicazione offerte dagli Open Day – spiega Placidi -. Diamo la possibilità a quanti lo vogliono di potersi sottoporre ad elettrocardiogramma con  refertazione in tempo reale per individuare ogni eventuale anomalia cardiaca”.

Dal 2013 l’Unità di Aritmologia di Palidoro rappresenta un Centro di riferimento per il trattamento delle sincopi e del QT lungo e delle aritmie genetiche. “Più del 15% dei ragazzi con meno di 18 anni ha sofferto almeno una volta nella vita di un episodio sincopale sebbene nella maggior parte dei casi si tratti soltanto di un episodio benigno – precisa Placidi –. Ciononostante in alcuni casi la sincope potrebbe rappresentare un sintomo precursore di altre patologie importanti come l’aritmia genetica. Visitiamo più di 1.000 pazienti l’anno, coinvolgendo un team a 360 gradi che va dal neurologo allo psicologo”.

Durante la serata ad affiancare il responsabile dell’Unità di Aritmologia Fabrizio Drago, erano presenti nell’ambito della ricerca, Silvia Placidi, Daniela Righi, Elisa Del Vecchio ed Ilaria Tamburri, in qualità di tecnico-cardiologo.

Nel corso dell’evento è stato inoltre possibile per i presenti effettuare ulteriori visite specialistiche in diversi ambiti diagnostici (prick-test per allergeni inalanti ed alimentari, test del microbiota per la flora batterica intestinale, spirometria, ossimetria, dermatoscopia e glucometria).

Parole chiave: Aritmologia, notte europea ricercatori, Ospedale Bambino Gesù