Menu
Il Web Magazine dell'Ospedale Pediatrico
Bambino Gesù di Palidoro e S. Marinella
La dieta deve essere di tipo normocalorico in maniera tale che il bambino possa crescere in maniera corretta sia in altezza che nel peso.
Condividi Condividi
nella foto: La dieta deve essere di tipo normocalorico in maniera tale che il bambino possa crescere in maniera corretta sia in altezza che nel peso.
Assistenza e Cura

Giornata Mondiale del Diabete, i consigli su un'alimentazione sana

13 NOV 2015 - Sebbene analoga a quella di chi non è affetto dalla patologia, la dieta dei bambini diabetici deve tener conto dell'equilibrio tra i pasti e di un'adeguata ripartizione dell'assunzione di zuccheri

In occasione della Giornata Mondiale del Diabete abbiamo colto l’occasione per raccogliere il parere dell’esperto Antonino Crinò, specialista presso l'Unità Operativa di Endocrinologia di Palidoro, sul tipo di alimentazione da seguire e sui controlli per la crescita da effettuare per i piccoli pazienti affetti dalla patologia. Ecco cosa ci ha raccontato.

Alimentazione analoga a quella di un bambino sano

L’alimentazione del bambino diabetico è sostanzialmente analoga a quella di chi non è affetto dalla patologia a patto che si osservino i normali controlli periodici stabiliti per la malattia. Giornalmente dovranno essere effettuate rilevazioni multiple della glicemia e ogni 3-4 mesi si dovrà effettuare il dosaggio dell’emoglobina glicosilata o A1c.

La dieta deve essere di tipo normocalorico in maniera tale che il bambino possa crescere in maniera corretta sia in altezza che nel peso. Il piccolo infatti dovrà cercare di rimanere nel suo peso forma evitando eccessi che possano influire negativamente sulla patologia.

Cosa mangiare e quando

L’alimentazione deve essere regolare, ben equilibrata, distribuita tra carboidrati, proteine e lipidi. In generale il bambino affetto da diabete deve poter disporre di tre pasti principali accompagnati da due piccoli spuntini, avendo cura di limitare l’assunzione di zuccheri a rapido assorbimento soprattutto tra una somministrazione di insulina e l’altra.

Controlli della crescita e del peso

Nell’ambito dei controlli che vengono effettuati in Day Hospital o in ambulatorio verrà valutata di volta in volta la crescita della statura e del peso. Se la periodicità degli esami e la dieta risulteranno adeguati alle necessità del paziente, la crescita ponderale e la successiva fase della pubertà saranno del tutto normali. Al contrario, una mancata attenzione al livello di emoglobina o un’alimentazione errata potranno portare, col tempo, all’insorgere di complicanze croniche legate alla malattia.

La prevenzione

Dal punto di vista della prevenzione poco si può fare per il Diabete mellito di tipo I che non ha carattere ereditario e che deriva da un processo autoimmune destinato a distruggere le cellule che producono insulina. Il discorso cambia per il diabete di tipo II spesso riscontrabile nel bambino che presenta i tratti caratteristici dell’obesità. Una buona alimentazione e un peso forma, in questo caso, giocheranno un ruolo fondamentale riducendo il rischio di predisposizione genetica.

Leggi l'approfondimento per la Giornata Mondiale del Diabete sul Portale del Bambino Gesù

Parole chiave: Alimentazione, Diabete, Ospedale Bambino Gesù