Strappare un capello bianco: ecco cosa succede se lo fai, è sorprendente!

Sai cosa succede a strappare un capello bianco? La leggenda dice che ne ricrescono altri 7, ma è davvero così?

Strappare un capello bianco
Strappare un capello bianco – Palidoronews

Siamo cresciuti con la paura di strappare i capelli bianchi, perchè la penitenza per averlo fatto sarebbe stata la crescita di altri 7 dello stesso colore. Cosa c’è di vero in questa credenza popolare? Ecco cosa dice la scienza a riguardo.

Strappare un capello bianco

Quando appare il primo capello bianco è un trauma per chiunque. In quel momento si capisce che non si rimarrà giovani per sempre e tutto il castello di carte di eterna giovinezza in cui avevamo creduto, crolla, mettendoci di fronte alla triste realtà che anche noi stiamo invecchiando. Il primo istinto, appena si individua il capello bianco, è quello di strapparlo, facendo finta che non sia mai esistito, ma allora ci viene in mente il vecchio monito delle nonne: “non strappare un capello bianco, altrimente te ne crescono altri 7”.

Cosa c’è di vero in questo? Assolutamente nulla: strappare un capello bianco non ha assolutamente alcun effetto sui follicoli vicini, e ogni bulbo pilifero contiene un solo capello, quindi al massimo sarà quello stesso capello strappato a farsi rivedere una volta ricresciuto. Questo però non vuol dire che strappare via i capelli bianchi sia una buona abitudine, anzi: potresti danneggiare irreparabilmente il follicolo, e il capello potrebbe non ricrescere più!

Trattare i capelli bianchi

Strappare o non strappare
Strappare o non strappare – Palidoronews

Per non vedere più i capelli bianchi quindi, le alternative sono due: tagliarli singolarmente quando li vediamo, oppure coprirli con una tinta. Infatti, se in alcuni casi eccezionali i capelli bianchi possono dipendere da un periodo di forte stress (che fa smettere le cellule di funzionare correttamente per un periodo transitorio) e tornare colorati, nella maggior parte dei casi, il capello bianco è irreversibile. In sostanza, quando l’età avanza, le cellule responsabili della melanina iniziano a perdere colpi e colorano sempre di meno i capelli.

L’alternativa al taglio quindi, è la tinta, che può essere chimica oppure naturale, come nel caso dell’Henné. La terza opzione, che è sicuramente la più sana di tutte, è quella di accettare i propri capelli bianchi e cercare di curarli al meglio, se non nello stadio iniziale quando sono ancora sporadici, sicuramente quando sono la maggiorparte e iniziano a farci perdere la testa con i continui appuntamenti dal parrucchiere.

Cura dei capelli bianchi

Se scegli di non tingere più i capelli e farli crescere bianchi, devi sapere che i capelli bianchi sono più duri e ispidi degli altri, e devi utilizzare dei prodotti specifici per esaltarne il colore e contrastare le fastidiose sfumature giallognole. Inoltre, è di fondamentale importanza la maschera riparatrice ogni volta che lavi i capelli, per renderli più morbidi e setosi.

Leggi anche: https://www.palidoronews.it/2024/02/05/risarcimento-danni-al-parrucchiere-si-puo-chiedere-per-un-taglio-o-colore-sbagliati/

Impostazioni privacy