La società di Chiara Ferragni ora vale di meno. Gli esperti dicono che rischia il fallimento

La società di Chiara Ferragni ora vale di meno. Secondo alcuni esperti e altre voci di corridoio non naviga in buone acque, ecco cosa c’è di vero.

chiara ferragni
chiara ferragni – palidoronews.it

 

Ultimamente Chiara Ferragni è stata particolarmente bersagliata da tutti. Molte voci sul suo conto, alcune confermate e altre smentite. In questi giorni si parlava di una ricerca di nuovi soci e di un apporto di capitale da 6 milioni di euro da parte della sua società Fenice srl. Ora viene svelato il valore dell’azienda, molto più basso del previsto. Ma Fenice smentisce: «Nessuna crisi, nessuna ricerca di nuovi azionisti». Vediamo insieme tutti i dettagli.

La società di Chiara Ferragni ora vale di meno, vero o falso?

Pare sia stato ritrovata una perizia giurata firmata dal commercialista e revisore dei conti milanese Massimo Rho, che porta la data del 20 gennaio 2023. All’epoca, l’influencer gli aveva dato l’incarico di stimare il valore della sua partecipazione del 32,50% nella srl. La rivista Open ha scritto: «Quella perizia giurata che risponde alla domanda “Quanto vale Fenice srl? solo un anno fa aveva valutato la società quasi venti volte meno del valore di 75 milioni di euro che oggi la Ferragni usa come riferimento per un aumento di capitale in grado di ottenere quei 6 milioni di euro di apporto. Il commercialista Rho, infatti, aveva stimato il 100% di quella società appena 4,5 milioni di euro, stabilendo che il valore di riferimento della quota della Ferragni ammontava a 1.538.875 euro».

Fake news o verità?

la società chiara ferragni vale meno
la società chiara ferragni vale meno – palidoronews.it

 

Una valutazione davvero tanto bassa, se davvero si cercassero soci per un apporto di 6 milioni. Ma in una nota Fenice srl smentisce la ricerca di nuovi azionisti. Una cosa è certa, la situazione in Italia è mutata per Fenice alla fine del 2023, con la sanzione da 400 mila euro dell’Antitrust per il caso Balocco. Anche se la società comunica di «non aver riscontrato fino a metà dicembre 2023 alcuna contrazione del proprio fatturato, con la conseguenza che i dati di bilancio 2023 risentono solo in parte dell’eventuale diminuzione delle vendite. Fenice specifica di operare in più Paesi le cui performance sono state solo parzialmente impattate dagli eventi di dicembre ‘23».

Sono arrivate diverse richieste da parte di investitori e nuovi partner interessati a proporre investimenti e partnership con Fenice. Nonostante tutto la società non ha allo stato attuale avviato nessuna interlocuzione con alcun potenziale nuovo investitore. E, ancora, l’azienda ha precisato che non è stata presa nessuna decisione in merito ai vari scenari prospettati dai consulenti. Fenice ha tenuto a sottolineare “non vi è al momento nessuna situazione emergenziale che richieda interventi drastici e immediati“.

 

Impostazioni privacy