I funghi magici degli indigeni studiati dai ricercatori: una scoperta incredibile

I funghi magici degli indigeni studiati dai ricercatori scientifici. Si potrebbe trattare di una scoperta incredibile.

Funghi allucinogeni
Funghi allucinogeni – Palidoronews.it

Gli antichi rituali degli indigeni, che coinvolgono erbe e rimedi magici per riti religiosi, attraggono l’interesse della scienza moderna. Lo studio di queste pratiche offre insight su tradizioni millenarie e potenziali benefici per la salute. Scopriamo come i funghi magici sono studiati dagli scienziati.

Cosa hanno scoperto i ricercatori, sui funghi magici degli indigeni?

E’ un composto chimico allucinogeno che si trova in diversi tipi di funghi, noti comunemente come “funghi magici” o “funghi psichedelici”. Questi funghi sono stati utilizzati per migliaia di anni in contesti religiosi e cerimoniali da popolazioni indigene in America centrale e meridionale. Parliamo della psilocibina, un alcaloide psichedelico che, una volta ingerito, viene convertito nel corpo in psilocina, la sostanza attiva che interagisce con i recettori della serotonina nel cervello.

Quali sono gli effetti?

La struttura chimica della psilocibina è simile a quella della serotonina, un importante neurotrasmettitore coinvolto nella regolazione dell’umore, della percezione e del sonno. Questa somiglianza permette alla psilocibina di legarsi ai recettori della serotonina, in particolare al recettore 5-HT2A, producendo effetti allucinogeni. 

Gli effetti della psilocibina possono variare notevolmente a seconda della dose, dell’ambiente in cui viene consumata e delle caratteristiche individuali dell’utente. Tra gli effetti comuni si includono alterazioni della percezione sensoriale, visioni di colori e forme intensificate, distorsioni della realtà, esperienze mistiche o spirituali e cambiamenti nello stato emotivo.

L’interesse della ricerca scientifica

Negli ultimi anni, c’è stato un crescente interesse nella ricerca scientifica sulla psilocibina per i suoi potenziali benefici terapeutici. Studi preliminari suggeriscono che la psilocibina potrebbe essere efficace nel trattamento di vari disturbi mentali, tra cui depressione, ansia, disturbo post-traumatico da stress (PTSD) e dipendenza. 

Quali sono gli sviluppi?

Uno degli ambiti più promettenti di ricerca riguarda l’uso della psilocibina per il trattamento della depressione resistente ai trattamenti tradizionali. Alcuni studi hanno mostrato che una o due sessioni di terapia assistita con psilocibina possono portare a significativi miglioramenti nei sintomi depressivi, con effetti che possono durare per mesi.

E’ stata anche studiata per il suo potenziale nel trattamento dell’ansia, in particolare l’ansia associata a malattie terminali. La ricerca ha indicato che può aiutare i pazienti a ridurre l’ansia e la paura della morte, migliorando la qualità della vita nelle fasi finali della malattia. Inoltre, ha mostrato risultati promettenti nel trattamento del disturbo post-traumatico da stress (PTSD). La terapia assistita può aiutare i pazienti a elaborare traumi passati e ridurre i sintomi del PTSD, migliorando la loro capacità di affrontare lo stress quotidiano.

Studio delle dipendenze

Un altro ambito di ricerca riguarda l’uso per il trattamento delle dipendenze. Studi preliminari suggeriscono che potrebbe aiutare a interrompere schemi di dipendenza, favorendo esperienze di insight e cambiamenti comportamentali. Ad esempio, alcuni studi hanno mostrato che  può essere efficace nel trattamento della dipendenza da alcol e tabacco, con significativi tassi di astinenza sostenuta.

Uso regolamentato

Nonostante questi promettenti risultati, rimane una sostanza controllata in molti paesi, inclusi gli Stati Uniti e gran parte dell’Europa. Il suo uso è strettamente regolamentato e generalmente vietato al di fuori dei contesti di ricerca autorizzati. L’interesse scientifico continua a crescere, con numerosi studi in corso che mirano a comprendere meglio i meccanismi d’azione e il suo potenziale terapeutico.

rituali antichi
rituali antichi

 

La psilocibina rappresenta una frontiera promettente nella cura di vari disturbi mentali. Mentre la ricerca è ancora in una fase relativamente iniziale, i risultati finora ottenuti suggeriscono che questa sostanza potrebbe offrire nuovi approcci terapeutici per condizioni difficili da trattare con i metodi tradizionali.

Impostazioni privacy