Menu
Il Web Magazine dell'Ospedale Pediatrico
Bambino Gesù di Palidoro e S. Marinella
guarda il video Cosa succede dopo il risveglio dall'anestesia?
Condividi Condividi
nel video: Cosa succede dopo il risveglio dall'anestesia?
Assistenza e Cura

Anestesia e bambini: che succede dopo il risveglio?

6 FEB 2015 - Terzo e ultimo appuntamento con la dott.ssa Paola Amendola, anestesista del Bambino Gesù. Il risveglio e il post operatorio

Terminato l’intervento, l’équipe anestesiologia può gradualmente risvegliare il paziente, che torna a respirare spontaneamente e a muoversi in maniera autonoma. Una volta appurato che tutte le funzioni vitali sono tornate ad un livello di attività normale, il bambino può essere dimesso dalla sala operatoria e tornare in stanza.

Che succede a questo punto?

«Dopo il risveglio – ci spiega la dott.ssa Paola Amendola – spesso il bambino appare molto agitato e irritato, con pianto persistente e inconsolabile, e questo spesso spaventa i genitori. In realtà questo stato di agitazione – detto “Emergence Delirium” - è temporaneo e dovuto in larga parte a uno stato di disorientamento che il bambino non capisce e al quale reagisce in maniera molto agitata. In questo caso è importante la presenza del genitore che lo rassicuri, finché il bambino non senta di avere di nuovo la situazione sotto controllo e si calmi spontaneamente».

Un altro possibile disagio è la nausea e il vomito post-operatori.

«Non si tratta – chiarisce la dott.ssa Amendola – di un effetto collaterale dei farmaci utilizzati per l’anestesia, ma semplicemente la reazione dell’organismo che, dopo il rallentamento delle funzionalità intestinali mantenute durante la fase di incoscienza, non è ancora pronto a riprendere un’alimentazione regolare. Anche questo effetto collaterale è temporaneo e normale».

La dott.ssa Amendola conclude sottolineando ancora una volta l’importanza della collaborazione dei genitori con l’attività dell’anestesista, prima e dopo l’intervento, fornendo ai medici tutte le informazioni utili sul bambino e seguendone strettamente le prescrizioni al ritorno a casa.

«Spero – aggiunge con una battuta la dottoressa – di aver fatto maggior chiarezza sulla figura dell’anestesista, spogliandolo di quel mantello da “stregone” che spesso mamme e bambini gli attribuiscono e facendogli re-indossare il camice da medico».

 

Vedi anche:

Anestesia e bambini: in sala operatoria >>

Anestesia e bambini: la visita pre-operatoria >>

Parole chiave: Anestesia, Casa Ronald, Paola Amendola