Menu
Il Web Magazine dell'Ospedale Pediatrico
Bambino Gesù di Palidoro e S. Marinella
La tosse può essere sintomo di una malattia ma è anche un normale meccanismo di pulizia delle vie respiratorie
Condividi Condividi
nella foto: La tosse può essere sintomo di una malattia ma è anche un normale meccanismo di pulizia delle vie respiratorie
Assistenza e Cura

Il vostro bambino tossisce? Niente panico!

21 MAG 2014 - La tosse causa circa il 50% delle consultazioni pediatriche ma nella maggior parte dei casi si tratta di un normale meccanismo di pulizia delle vie respiratorie

Continuano le giornate di aggiornamento pediatrico a Palidoro, riscuotendo notevole consenso presso i pediatri di famiglia del territorio. La seconda giornata è stata dedicata all'approccio diagnostico e terapeutico nel bambino con tosse.

 Argomento “caldo” visto che, da sola, la tosse rende conto di circa il 50% delle consultazioni pediatriche e del 20-30% dei ricoveri pediatrici acuti.

Tutti i relatori intervenuti hanno sottolineato l'importanza di distinguere il sintomo tosse, inteso come un riflesso protettivo indispensabile per assicurare la rimozione, attraverso il catarro, degli agenti infettivi dalle vie respiratorie, da una malattia.

«Pur essendo il possibile segnale di una patologia respiratoria - spiega il dott. Andrea Campana  - rappresenta comunque un’espressione di integrità delle nostre difese innate.  Semmai, in certi casi, è l’assenza di tosse  (o la sua inefficacia) a costituire un campanello di allarme, che può essere provocata da processi infettivi, condizioni genetiche o ambientali o addirittura trattamenti errati».

Esattamente come  per la febbre, anche in questo caso al pediatra spetta il compito, oltre che di riconoscere le possibili cause, di rasserenare i genitori, spesso provati da notti insonni  e  dalla preoccupazione per la qualità di vita del figlio, fornendo precise informazioni circa la natura e durata del sintomo (circa il 40% dei bambini in età prescolare tossisce ancora a distanza di 10 gg da un'infezione respiratoria ed il 10% continua a farlo per circa un mese) e le indicazioni terapeutiche.

«Riguardo a quest'ultimo punto – conclude Campana -  è indispensabile stabilire un approccio comune e condiviso tra ospedale e territorio, al fine di fornire un messaggio univoco ai genitori che non generi preoccupazioni né false attese».

Parole chiave: Aggiornamento pediatrico, Andrea Campana, catarro, Febbre, Influenza, Palidoro, Pediatra di famiglia, Territorio, Tosse, vie respiratorie